‘Un canto di Natale’, Charles Dickens, 1843

Londra, vigilia di natale. L’avido ed egoista Ebenezer Scrooge torna a casa dopo aver trascorso la sua giornata, uguale a tutte le altre, nel suo freddo ufficio da strozzino. Ma per lui, questa, non sarà una solita sera. Tre spiriti, infatti, lo terranno sveglio per tutta la notte. Sono lo spirito del natale passato, presente e futuro, venuti a scuoterlo dalla sua meschinità per dargli un’altra – l’ultima – possibilità di redenzione. Ci riusciranno? Un romanzo che è diventato uno dei racconti di natale più letti, con diversi adattamenti cinematografici e teatrali davvero molto belli. Una lettura per riflettere sulla nostra disposizione d’animo nell’accogliere il vero senso delle festività natalizie.

‘Il dono’, Ted Gun, Il Saggiatore, 2011

Ohio, 17 Dicembre 1933. Sul giornale locale compare l’annuncio di una donazione di 10 dollari a 75 famiglie bisognose da parte di un certo B. Virdot. Lo sconosciuto non chiede nulla in cambio, vuole solo conoscere le sventure di queste famiglie tramite lettera all’indirizzo indicato nell’annuncio. Saranno tantissime le missive di risposta e Virdot manterrà la promessa. Per 75 famiglie, quello del ’33, sarà così un Natale più sereno. Quasi settanta anni dopo, Ted Gun trova all’interno di una vecchia valigia di famiglia delle lettere e diversi ritagli di giornale che sveleranno la vera identità di Mr B. Virdot, che altro non è che Sam Stone, il nonno di Ted…Una riflessione sulla nostra capacità di dare e darci a chi ha veramente bisogno, gratuitamente.

‘Il mistero del Natale’, Edith Stein, Queriniana, 1950

Una meditazione sul Natale cristiano che ripercorre gli eventi biblici dell’annuncio fino alla Notte Santa, ma non solo. Scrive Edith Stein, “il mistero dell’incarnazione e quello del male sono strettamente uniti”, allargando così la meditazione all’intera umanità: la Notte a Betlemme diventa così l’inizio di un percorso che porta alla Croce. Un libriccino di poche pagine ma dal messaggio pesante come un macigno per chi vive il Natale come la festa del panettone e del nonno vestito di rosso. Una riflessione, questa, che dovremmo fare tutti.

 

(Visited 31 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *