“Io mica volevo sposarmi, io volevo fare il rimorchione in giro per il mondo. Volevo viaggiare, prendere treni e aerei, conoscere gente. E i figli? Mah, sí, forse uno, ma dopo essermi fatto un po’ gli affari miei, mica subito. Una sola donna? Ma siamo matti? E se poi ti stufi?E invece, che scoperta! Mai avrei creduto di poter vivere un’avventura cosí coinvolgente e complicata. Ma, soprattutto, mai avrei potuto immaginare di essere il custode di tanta bellezza immeritata”

Che dire? Letto in due, tre giorni e per me, adesso che ho da tenere d’occhio un pargoletto di un anno e mezzo in preda alla frenesia da camminata, corsa, caduta, attento allo spigolo, mamma bua, bacetto, bua passata, coccoline, tettina e apertura di cassetti e ante di armadi con conseguente fuoriuscita di tutto il contenuto, è un’impresa.

Gigi e Anna Chiara in questo libro non hanno filtri: sono solo se stessi. E di se stessi ne raccontano il cammino, dal fidanzamento fino alla scelta delle scelte, il matrimonio, arricchito dall’arrivo di quattro cicogne, in una casa che è sempre un grande caos, tra momenti felici e e tristi, arrabbiature e baci, tra “tutti quanti nel lettone” e il desiderio di starsene un po’ da soli a respirare il fresco e sempre rigenerante odore e sapore del silenzio.

Un libro che ribalta la visione di famiglia, vista oggi più che mai come un antico contratto che puzza di naftalina, e che schiaccia l’occhio al Mulino Bianco ma che ne prende decisamente le distanze. Perchè stare insieme non è mai perfetto, anzi, tutt’altro, ed è proprio nell’imperfezione di ogni giorno che ogni famiglia trova la forza di andare avanti e il coraggio di ridire quel sì  che l’ha fondata.

Una volta chiuso il libro libro viene una grandissima voglia di salire su un aereo e atterrare a Roma, solo per stringere la mano a questi due tipi e conoscere i figli,  Giovanni, Therese, Maddalena, Gabriele e…

E…

E… cosa?

Non erano “solo” quattro?

 

 

 

 

(Visited 50 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *